Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Lucifero

luciferoBIBLIOGRAFIA

FILMOGRAFIA

 

BIOGRAFIA

Nella mitologia romana, Lucifer è una divinità corrispondente alla divinità greca Eosforo (o Torcia dell’Aurora), nome dato alla Stella del mattino; é figlio di Eos (l’Aurora) e di Astreo e padre di Ceice (Ceyx), re di Tessaglia, e di Dedalione. Lucifer , nella lingua latina, significa Portatore di Luce; è anche il nome che veniva dato al pianeta Venere perchè era la prima luce che anticipava il sole.   Lucifer é quindi assimilato alle divinità della luce e, come corrispettivo della divinità greca  Eosforo, é oggetto di culto.

Nella tradizione cristiana, Lucifero, l’angelo più bello, il più perfetto, promuove la ribellione degli angeli contro Dio e viene precipitato – con una caduta durata 9 giorni – nell’Inferno.  La Patristica (Girolamo, Tertulliano, Gregorio Magno) assimila la figura di Lucifero a quella di Satana, in virtù di una interpretazione molto dubbia di un passo di Isaia (14,12):

Come mai sei caduto dal cielo, Luce del mattino (Lucifero), figlio dell’aurora?

Come mai sei stato steso a terra, signore di popoli?

L’appellativo di “Portatore di Luce” o “Stella del mattino” era infatti uno dei titoli del re di Babilonia e, in questo passo, Isaia non si riferirebbe a Satana, ma farebbe piuttosto un parallelo fra la sconfitta di Satana e la sconfitta di Babilonia. L’incongruenza dell’interpretazione classica è ancora più evidente se si legge come il testo continua (Isaia 14, 16-17):

16  Coloro che ti vedono fissano in te lo sguardo,
ti esaminano attentamente,
e dicono: «È questo l’uomo che faceva tremare la terra,
che agitava i regni,
17  che riduceva il mondo in un deserto,
ne distruggeva le città,
e non rimandava mai liberi a casa i suoi prigionieri?»

Nella tradizione cristiana, a ogni modo, con la sua cacciata e soprattutto il suo sprofondare nel centro della terra, prende forma il regno del maligno, l’Inferno, in cui però l’angelo Lucifero perde il suo nome in una damnatio memoriae, e si muta in Satana (l’Avversario). Lontani dalla luce divina, i meravigliosi angeli si mutano in orrendi demoni e, da quel momento,  il suo unico scopo è quello di trascinare gli uomini, i nuovi figli di Dio, nella sua dimora.

Nel Medioevo i teologi si interrogano sulla figura di Lucifero e ipotizzano cause diverse per la sua caduta: per San Bernardo è la sua superbia; per Pietro Lombardo il desiderio di equipararsi a Dio.

 

Lucifero nella Divina Commedia:

Nella Commedia Lucifero è identificato in Belzebù e in Dite. Il suo aspetto è mostruoso: ha tre teste e, dai sei occhi, sgorgano lagrime che frammiste a bava scendono giù dai tre menti. Nelle tre bocche dilania tre peccatori (Giuda, Bruto, Cassio), maciullandoli e straziandoli senza sosta in eterno; a differenza degli altri demoni, Lucifero  non è rappresentato con corna e coda, ma con le ali che sono proprie dei Serafini. Lucifero è conficcato al centro della Terra, nel punto più lontano da Dio, immerso fino al busto nel lago sotterraneo di Cocito, il quale è eternamente congelato per il vento gelido prodotto dal continuo movimento delle sue sei ali.

Utilizzando un tipico procedimento medievale Dante opera una contaminatio tra l’elemento biblico e quello classico virgiliano,  in una enfatizzazione della sua bruttezza in contrapposizione con la sua bellezza prima della ribellione a Dio.

 

Inferno canto XXXIV

 

Citazioni:

Inf. IV 127; XI 64-65; XII 38-39;

Purg. XII 25-27;

Par. IX 127-129; XIX 46-48;  XXVII 26-27; XXIX 55-57.