Titolo originale: Monna Vanda dei Soldanieri

Regia: Mario Caserini

Paese: Italia

Anno: 1910

Lunghezza: 299 metri

Durata: 10 minuti

Colore: bianco e nero

Audio: muto

Genere: drammatico, storico

Produzione: Cines

 

CAST

Wanda: Maria Caserini Gasparini

Piero Giandonati: Ettore Pesci

Padre di Bianca: Amleto Novelli

 

TRAMA

Vanda Giandonati, figlia del capo di parte guelfa, ha sposato Gianni Soldanieri, capo dei Ghibellini. Il film si apre sulla comunicazione dell’esilio dei Guelfi da Firenze. Due anni più tardi l’esilio ha termine e i Giandonati, rientrati in città, ordinano l’uccisione del Soldanieri. Vanda, dopo aver visto il cadavere del marito, incita un gruppo di Ghibellini a vendicarne la morte. Ma il tentativo di incendiare il palazzo dei Giandonati fallisce e Vanda si trafigge con un pugnale. Il padre la trova e, pieno di rimorso, piange sul suo corpo.

 

NOTE

Il film non ha alcuna attinenza con la Divina Commedia né con la vita di Dante. E’ solo un tentativo romanzato e imperfetto di ricostruire la faida tra Guelfi e Ghibellini in Firenze: per questo può costituire un documento sul clima in cui visse Dante e per comprendere meglio alcuni personaggi guelfi e ghibellini del poema.

Non sorprende che il film fu noto anche con il titolo Guelfi e ghibellini.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *