Titolo originale: Maciste all’Inferno

Regia: Guido Brignone

Paese: Italia

Anno: 1926

Genere: drammatico

Durata: 91 minuti circa

Lunghezza: 2475 m.

Colore: bianco e nero

Audio: muto

Soggetto e Sceneggiatura: Fantasio (Riccardo Artuffo)

Fotografia: Massimo Terzano, Ubaldo Arata

Produzione: Fert-Pittaluga, Torino

 

CAST

Maciste: Bartolomeo Pagano

Proserpina: Elena Sangro

Graziella: Pauline Polaire

Barbariccia/Dottor Nox: Franz Sala

Pluto: Umberto Guarracino

Luciferina: Lucia Zanussi

Giorgio: Domenico Serra

Gerione: Mario Saio

Uno dei diavoli: Mario Sajo

 

TRAMA

Pluto, re dell’inferno, manda sulla terra Barbariccia, sotto le vesti del dottor Nox, per procurare anime e prendere Maciste, che abita in un paese di campagna. Barbariccia arriva alla casa di Maciste con altri cinque diavoli, ma egli lo caccia; anche Graziella, vicina di casa di Maciste, resiste alle lusinghe del diavolo. Barbariccia fa incontrare Graziella con un giovane ricco signore, Giorgio, che dopo aver ricambiato il suo amore l’abbandona sola con un figlio. Maciste costringe Giorgio a tornare dalla giovane, salvando il bambino che Barbariccia aveva rapito e abbandonato nel bosco. Maciste si scontra con Barbariccia e cade in una trappola; viene così spedito all’inferno. Qui viene conteso dalla moglie di Pluto, Proserpina, e dalla sua figliastra, Luciferina. Dopo aver dato un bacio a Proserpina, Maciste si trasforma in un demone. Barbariccia, geloso delle attenzioni di Proserpina per Maciste, organizza una rivolta contro Pluto; Maciste interviene a difendere Pluto e umilia Barbariccia. Il re dell’inferno, riconoscente, grazia Maciste e lo lascia andare sulla terra, ma Proserpina lo ferma incatenandolo a una roccia. La notte di Natale saranno le preghiere del figlioletto di Graziella, sposatasi con Giorgio, a liberare Maciste.

 

NOTE

I riferimenti consistono, in particolare nel nome del diavolo Barbariccia e nella ricostruzione dell’ambiente infernale.

Tratto da «una diavoleria di Fantasio», al secolo Riccardo Artuffo che, a sua volta, aveva tratto materiale dall’Inferno di Dante, il film di Brignone ebbe problemi con la censura per le rappresentazioni audaci di corpi femminili fotografate da Arata e Terzano; il visto fu concesso solo nel marzo del 1926. Ma il film, nella sua versione integrale, era già stato proiettato varie volte durante la Fiera di Milano del 1925, nell’ambito della quale si svolgeva un concorso internazionale cinematografico.

Una versione muta, restaurata, di 100 minuti a 20 f/s è stata presentata dalla Cineteca di Bologna al festival cinematografico Il cinema ritrovato del 2009.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *